home » News

News dal Progetto

Gypsum progetto LIFE del mese di Marzo (pubblicata il 10/03/2017)

Sul Sito del Ministero dell'Ambiente, si illustra il progetto LIFE Gypsum, i suoi obiettivi ed i suoi risultati.
Per saperne di più

Nuovi documenti da scaricare alla Sezione DOWNLOAD (pubblicata il 02/03/2017)

È online l'intervento di David Bianco sul progetto LIFE+ GYPSUM (in formato PDF), realizzato all'interno dell'incontro "Gli ultimi progetti Life Natura e Ambiente in Emilia-Romagna", svoltosi mercoledì 1 Marzo 2017 a Bologna.
Lo potete trovare alla pagina "DOWNLOADS", nella sezione "Materiali informativi e divulgativi".
Buona lettura!
Per saperne di più

Il Convegno "Gypsum - tutela e gestione di habitat associati alle formazioni gessose dell’Emilia-Romagna" conclude il progetto il 17-18 Marzo 2017 (pubblicata il 21/02/2017)

A conclusione del progetto LIFE 08 NAT/IT/000369 "Gypsum", si svolgera venerdì 17 Marzo 2017 il convegno "Gypsum - tutela e gestione di habitat associati alle formazioni gessose dell’Emilia-Romagna".
La giornata del convegno si terrà venerdì 17 marzo 2017 (dalle ore 9 alle ore 17) a Bologna, presso Palazzo Malvezzi in Via Zamboni 13.
La visita guidata alle aree di intervento nel Sito Natura 2000 IT4050001 si terrà sabato 18 marzo 2017 (dalle ore 9 alle ore 14) pèresso il Parco regionale Gessi Bolognesi e Calanchi dell'Abbadessa (zona Spipola/Croara).
La partecipazione al convegno è gratuita; per ragioni organizzative è necessario iscriversi entro il giorno alla 15 marzo 2017 scrivendo una mail a natura@enteparchi.bo.it con le seguente informazioni:
- Nome e Cognome
- Ente/Organizzazione
- Contatto telefonico
- Parteciperò a: Convegno 17/3 - Escursione 18/3
- Mi è necessario l’attestato di partecipazione
Maggiori dettagli sul programma dei due giorni sono riportati nel pieghevole di invito al convegno.
pieghevole di invito al convegno

LIFE Gypsum partecipa ai "Mercoledì dell'Archvio - primavera 2017" (pubblicata il 20/02/2017)

Mercoledì 1 marzo 2017 dalle 10 alle 13 si svolgerà l'incontro "Gli ultimi progetti Life Natura e Ambiente in Emilia - Romagna" presso l'Archvio Cartorgafico della Regione Emilia-Romagna, viale A.Moro 28 - Bologna.
L'iniziativa, prevista all'interno del programma di incontri "I mercoledì dell'archivio - edizione primavera 2017", vedrà la parteciapazione dei seguenti relatori:
- Monica Palazzini, Servizio Aree protette Foreste e Sviluppo della Montagna [RE-R]
- Sonia Anelli, Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia occidentale
- Willy Reggioni, Parco nazionale Appennino Tosco-Emiliano
- Maria Pia Pagliarusco, Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Delta del Po
- David Bianco, Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia orientale
Oltre alla relazione di David Bianco sul Progetto LIFE Gypsum, saranno illustrati gli altri progetti europei appena conclusi o in esecuzione in Emilia-Romagna.
Ai partecipanti verrà consegnato un attestato riconosciuto dall’AIGAE per il rilascio dei crediti formativi.
In occasione degli incontri, l’Archivio Cartografico applicherà un prezzo scontato sulle pubblicazioni oggetto di discussione.

Un'ultima buona notizia: acquistati altri 10 ettari di affioramenti gessosi presso il sito IT4070011 "Vena del Gesso Romagnola" (pubblicata il 31/10/2016)

Il progetto Life, che termina ad Ottobre 2016, si chiude con un'ultima bella notizia.
Il Beneficiario "Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità-Romagna" ha formalizzato l'acquisto di oltre 10 ettari di affioramenti gessosi contemplati dall'Azione B.3 "Acquisto terreni".
Si tratta di due distinte aree: un terreno di oltre 5 ettari in località Ca' Faggia, in Comune di Riolo Terme, e la ex cava "Paradisa", un'altra importante zona in Comune di Borgo Tossignano.
L'Ente ha individuato queste zone in considerazione della loro grande importanza naturalistica: vi si trovano infatti importanti ingressi di grotta (habitat 8310) e prati aridi rupestri (habitat 6110*).
Con questi interventi si concludono le azioni B dedicate all’acquisto terreni da destinare permanentemente alla conservazione della Natura. Si arriva pertanto ad oltre 27 ettari di proprietà acquisite nella Vena del Gesso romagnola grazie al progetto, che si aggiungono agli oltre 22 ettari di terreni agricoli e affioramenti gessosi propriamente detti acquisiti nei Gessi Bolognesi con le azioni B1 e B2.
Complessivamente Gypsum ha consentito ai Beneficiari l'acquisto di aree strategiche per la tutela della biodiversità per circa 50 ettari.
È importante sottolineare come questa azione garantirà per sempre agli Enti di Gestione la disponibilità di queste aree per interventi di tutela assoluta, condizione che in terreni privati non è possibile garantire senza corrispondere appositi indennizzi.

Nuovi documenti da scaricare alla Sezione DOWNLOAD (pubblicata il 04/10/2016)

È online la Relazione del Monitoraggio dei Chirotteri della Grotta Coralupi (in formato PDF).
La potete trovare alla pagina "DOWNLOADS", nella sezione "AZIONI SPECIFICHE" - Azione 2.
Buona lettura!
Per saperne di più

Intervento del Progetto LIFE+ Gypsum al Convegno di Casola Valsenio (pubblicata il 01/10/2016)

Il Progetto LIFE+ Gysum ha partecipato al Convegno “Un territorio straordinario – Grotte, vita, storia e peculiarità dei gessi dell’Emilia-Romagna, un patrimonio per l’umanità”.
Il Convegno si è tenuto Sabato 1 Ottobre 2016 a Casola Valsenio (RA), presso il Teatro Senio, ed è stato organizzato dalla Federazione Speleologica Regionale dell’Emilia-Romagna, dall’Associazione Speleopolis e dal Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola.
Il nostro intervento si è concentrato in particolare sulla presentazione generale del progetto LIFE+ e, con maggior dettaglio, sulle azioni svolte per la conservazione della chirotterofauna.
Presentazione in formato PDF, illustrata durante il convegno

Finalmente la Risorgente della Siberia è concretamente protetta grazie al Progetto LIFE Natura Gypsum (pubblicata il 22/09/2016)

Si è concluso in questi giorni il lavoro di riqualificazione e protezione previsto dall'Azione C1 del Progetto LIFE e realizzato presso la Risorgente della Siberia, all'interno il Sito NATURA 2000 IT4050001 "Gessi Bolognesi".
La grotta della Siberia è una importante cavità carsica presso Ponticella (San Lazzaro di Savena) che presenta significati particolari per il Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi della Badessa, sia per il valore di ordine naturalistico (speleologico ed ecologico) sia per la presenza di testimonianze culturali.
Si tratta della risorgente del più importante sistema carsico del Parco, il sistema Acquafredda-Spipola-Prete Santo, a sui appartengono numerose cavità tra cui la ben nota Grotta della Spipola.
Il Rio dell'Acquafredda, che nasce in Comune di Pianoro a Montecalvo, dopo un preve percorso sulle marne in cui ha creato l'omonima valle cieca, incontra i gessi, originando per carsismo il corso sotterraneo principale del sistema a cui afferiscono le cavità della zona della Croara, della Spipola e dell'Altopiano di Miserazzano.
La grotta costituiva, dunque, il punto terminale del sistema da cui scaturiva il Rio dell'Acquafredda che, dopo un percorso sotterraneo di almeno un chilometro e mezzo, dava luogo ad un ambiento del tutto unico nel breve tratto in cui il rio raggiungeva il Torrente Savena.
Un tempo la grotta era infatti un'ampia cavità percorsa da un ruscello attivo tutto l'anno e con il fondo in ciottoli; l'acqua fredda e l'esposizione a nord spiegano il toponimo Siberia che caratterizzava il microclima locale.
Purtroppo oggi la risorgente è inattiva ed irrecuperabile in quanto l'attigua attività estrattiva (la “cava di Ponticella” nota ai Bolognesi) ha danneggiato irreparabilmente il sistema di deflusso naturale: sono state intercettate le grotte e, dunque, deviate le acque, facendole defluire artificialmente nel Savena.
Sempre a causa della cava e delle ripetute esplosioni, si verificarono negli stessi anni '60/'70 imponenti crolli nelle aree di ingresso, occludendolo quasi interamente.
Nonostante la devastazione delle cave la grotta resta di grande valore naturalistico, sia per la presenza di un cavità ben conservata nella porzione interna, con spettacolari forme di erosione, sia per la presenza di rare specie di pipistrelli, in particolare il Rinolofo minore (Rhinolophus hipposideros).
Un curiosità: la Siberia reca evidenti tracce dell'utilizzo come rifugio bellico di Ponticella e della vicina Bologna, quando venne “soppalcato” con travi e tavole ed attrezzato con tanto di linea elettrica per ospitare numerose famiglie di sfollati nell'ultimo periodo del conflitto: si stima che per mesi vi si rifugiassero centinaia di persone .
L'intervento, realizzato con il Progetto LIFE Natura Gypsum, è successivo all'acquisizione dell'area da parte dell'Ente Parco; si è voluto recuperare - per quanto possibile - l'ingresso naturale della risorgente, demolendo parte dei crolli d'ingresso e posizionando una cancellata per regolamentare l'accesso e consentire, comunque, un facile passaggio ai pipistrelli di specie come il Miniottero.
Con questo intervento si concludono le azioni concrete di conservazione previste dall'Azione C1 dell'intero progetto che ha portato alla tutela diretta di 23 siti, 18 grotte e 5 cavità artificiali.
Per saperne di più

Sono online il Piano di Gestione delle aree carsiche gessose dell'Emilia-Romagna e la sua cartografia, realizzato dal Progetto LIFE Natura (pubblicata il 21/09/2016)

È online il "Piano di Gestione delle aree carsiche gessose dell’Emilia-Romagna".
Si tratta di un documento molto importante previsto dall’azione A5 del progetto LIFE Natura, che analizza le minacce per gli habitat e le specie target e fornisce indicazioni concrete di tipo gestionale.
Il Piano di Gestione si compone dei seguenti documenti:
1 - Quadro conoscitivo e Allegato I
2 - Piano di Gestione
3 - Cartografia (suddivisa per siti)
• SIC-ZPS IT4050001 Gessi Bolognesi, Calanchi dell'Abbadessa
• SIC-ZPS IT4070011 Vena del Gesso Romagnola
• SIC IT4030009 Gessi Triassici
• SIC IT4030017 Ca’ del Vento, Ca’ del Lupo, Gessi di Borzano
• SIC IT4050027 Gessi di Monte Rocca, Monte Capra e Tizzano
• SIC IT4090001 Onferno
Per saperne di più

Terminato con successo l'intervento di riqualificazione e tutela di una grotta del sistema Budriolo-Calindri-Osteriola (sito IT4050001 "Gessi Bolognesi") (pubblicata il 18/08/2016)

Si sono conclusi in questi giorni i lavori di riqualificazione e protezione dell'ingresso di una grotta del sistema carsico Budriolo-Calindri-Osteriola in località Farneto (San Lazzaro di Savena), realizzati nell''ambito dell'Azione C1 e C3 per Progetto Life NATURA "Gypsum".
La grotta venne occlusa negli anni '70 dai cavatori ancor prima di essere rilevata e cartografata dagli speleologi bolognesi. Di questo intervento rimase però memoria e negli anni scorsi l'Ente Parco fece eseguire un saggio e alcuni rilievi, per verificare la possibilità di una riapertura e di un conseguente recupero dell'ipogeo.
Il nuovo ingresso "a pozzo" dà ora accesso ad una cavità ancora tutta da esplorare.
L'ingresso artificiale è stato poi progettato e realizzato con feritoie atte al volo delle specie di pipistrelli, in particolare il Rinolofo minore (Rhinolophus hipposideros), note per frequentare l'area circostante.
Per saperne di più

Terminata la protezione della Grotta delle Pisoliti nell'ambito dell'Azione C1 presso il Sito IT 4050001 "Gessi Bolognesi" (pubblicata il 09/08/2016)

Si è concluso in questi giorni il lavoro di riqualificazione e protezione della Grotta delle Pisoliti, una importante cavità carsica localizzata nella Dolina della Spipola, a San Lazzaro di Savena.
La grotta venne scoperta nei primi anni '70 e immediatamente protetta con un manufatto realizzato in sito dall'Unione Speleologica Bolognese, vent'anni prima della istituzione del Parco naturale.
L'ingresso "a pozzo" dà accesso ad una cavità molto complessa ed importante, con un dislivello di quasi trenta metri; formata da ampi ambienti e sale, prende il nome dalle "pisoliti" o "perle di grotta", particolari concrezioni sferoidali di carbonato di calcio che si formano solo in eccezionali condizioni in pozze d'acqua della grotta.
Diversamente dai manufatti demoliti, quelli nuovi presentano feritoie atte al volo di particolari specie di pipistrelli, soprattutto il Rinolofo minore (Rhinolophus hipposideros) che già uilizza il sistema.
L'intervento restituisce il libero passaggio ai chirotteri più minacciati ed assicura che la grotta, a rischio di occlusione per ill collasso del manufatto di imbocco, resti integra nella porzione sottostante l'imbocco.
Per saperne di più

Conclusa l'Azione C2 con l'intervento di difesa idrogeologica nel Rio dell'Acquafredda (pubblicata il 21/07/2016)

Si è concluso da pochi giorni il lavoro di ripristino del sistema di difese mediante ingegneria naturalistica a presidio del sistema carsico dell'Acquafredda.
L'intervento è stato realizzato presso la grotta-inghiottitoio in cui scompare l'omonimo Rio, che riaffiorirà dopo oltre 1 chilometro e mezzo (in località Ponticella).
L'intervento è consistito nell'impianto di giovani arbusti e alberi e nella realizzazione di manufatti in legname per la protezione dall'interramento delle grotte sottostanti.
Le ingenti piogge primaverili avevano danneggiato le briglie già realizzate negli anni scorsi e aumentato localmente il dissesto: con questo intervento, svolto nel mese di luglio, l'Ente ha provveduto ad un imprevisto e urgente intervento che ripristina e assicura il raggiungimento degli obiettivi del progetto con l'Azione C2 “Realizzazione di una fascia ripariale/ecotonale con funzione tampone”.
Per saperne di più

Al via gli ultimi interventi di tutela e protezione dell’habitat 8310 presso il sito IT4050001 “Gessi Bolognesi” (pubblicata il 18/07/2016)

Si sono appena avviati i lavori di riqualificazione e protezione della Risorgente della Siberia, importante cavità carsica a Ponticella di San Lazzaro di Savena, contemplati dall'Azione C1 “Chiusura grotte naturali e di cavità artificiali” del Progetto LIFE.
La grotta presenta significati particolari per l'Area protetta, sia per il valore naturalistico sia per la presenza di pregevoli testimonianze culturali. Si tratta della risorgente del sistema carsico Acquafredda-Spipola-Prete Santo, il più importante del Parco, a cui appartengono numerose cavità tra cui la ben nota Grotta della Spipola.
Il Rio dell'Acquafredda nasce a Nord di Montecalvo in Comune di Pianoro e, dopo un breve percorso sulle marne dove crea l'omonima valle cieca, incontra i Gessi originando il corso sotterraneo principale del sistema a cui afferiscono tutte le cavità della Croara, della Spipola e dell'Altopiano di Miserazzano.
Purtoppo oggi la Risorgente della Siberia appare “fossile”, ossia completamente priva di torrente! L'attigua cava di gesso di Ponticella ha infatti intercettato negli anni 50/60 il corso del rio nel tratto sotterraneo, alterando definitivamente l'idrologia carsica di tutta l'area. Oggi le acque del sistema fuoriescono infatti nel Torrente Savena da una condotta artificiale posta a monte rispetto il punto originario. Sempre a causa della cava, si verificarono negli stessi anni diversi crolli che rendono l'accesso difficile e pericoloso.
La risorgente resta comunque di grande valore naturalistico, sia perchè la grotta internamente è ancora ben conservata e presenta spettacolari forme di erosione sia per la presenza di rare specie di pipistrelli, in particolare il Rinolofo minore (Rhinolophus hipposideros).
La grotta mostra inoltre evidenti tracce dell'utilizzo passato come "Rifugio bellico di Ponticella", quando venne attrezzata con una linea elettrica e “soppalcata” con travi e tavole per ospitare numerose famiglie di sfollati nell'ultimo periodo del secondo conflitto mondiale.
L'intervento di tutela e protezione, successivo all'acquisizione dell'area da parte dell'Ente Parco, vuole recuperare, per quanto possibile, l'ingresso naturale della Risorgente rimuovendo i detriti di frana. Verrà posizionata inoltre una cancellata, che servirà da un lato a regolamentarne l'accesso e dall'altro a consentire un facile passaggio ai pipistrelli.
Entro agosto saranno infine svolti gli ultimi due interventi previsti dall'Azione C1.
Si tratta di interventi presso due grotte “a pozzo” che richiedono manufatti speciali a protezione del loro ingresso. In particolare si opererà:
- nei pressi della ex cava Gessi Emiliani (zona Farneto di San Lazzaro), che appartiene al sistema Calindri-Osteriola;
- nella Grotta delle Pisoliti, presso la Dolina della Spipola.
Con questi interventi si concluderanno le azioni di conservazione previste dall'Azione C1, che complessivamente avranno migliorato la tutela concreta di 23 siti caratterizzati dall'habitat 8310 (18 grotte naturali e 5 cavità artificiali).
Per saperne di più

Nuovi documenti da scaricare alla Sezione DOWNLOAD (pubblicata il 14/06/2016)

È online la Relazione finale del Monitoraggio ex post delle colonie di Cihirotteri (in formato PDF).
La potete trovare alla pagina "DOWNLOADS", nella sezione "AZIONI SPECIFICHE" - Azione 2.
Buona lettura!
Per saperne di più

Marzo 2016 - Visita di monitoraggio del gruppo di controllo (pubblicata il 21/03/2016)

Si è appena conclusa la visita di monitoraggio della Commissione Europea, prevista per il 2016. Hanno svolto il controllo il Dott. Alberto Cozzi, del gruppo Neemo EEIG – Timesis, e la Dott.ssa Stefania del Betti, responsabile del National Contact Point LIFE del Ministero dell'Ambiente.
Oltre ai consueti controlli amminisitrativi, nel corso della tre giorni il gruppo di lavoro del Progetto Life Gypsum ha potuto visitari tre aree di intervento:
- le Fonti di Poiano, sede di un importante intervento di riqualificazione di un eccezionale ambiente palustre,
- i Gessi di Borzano, nei pressi di Albinea di Reggio Emilia ,
- i Gessi Bolognesi.
Nella Sezione fotografica si riportano le immagini dei sopralluoghi e di alcuni interventi svolti nell'ambito del progetto.
Per saperne di più

Una proposta concreta per la gestione naturalistica delle aree carsiche gessose dell'Emilia-Romagna (pubblicata il 06/03/2016)

È stata elaborata dal Progetto LIFE Natura Gypsum una proposta di "Piano di Gestione delle aree carsiche gessose dell’Emilia-Romagna".
Si tratta di un documento molto importante previsto dall’azione A5 del progetto LIFE Natura, che analizza le minacce per gli habitat e le specie target e fornisce indicazioni concrete di tipo gestionale.
Questo documento, ancora preliminare, è attualmente oggetto di incontri di presentazione con i possibili stakeholders (Azione D.3).
Vi invitiamo ad esaminare la documentazione e a darci eventuali suggerimenti o indicazioni scrivendo all’indirizzo e-mail david.bianco@enteparchi.bo.it
Il Piano di Gestione si compone dei seguenti documenti:
1 - Proposta di Quadro conoscitivo
2 - Proposta di Piano di Gestione
3 - Cartografia (suddivisa per siti)
• SIC-ZPS IT4050001 Gessi Bolognesi, Calanchi dell'Abbadessa
• SIC-ZPS IT4070011 Vena del Gesso Romagnola
• SIC IT4030009 Gessi Triassici
• SIC IT4030017 Ca’ del Vento, Ca’ del Lupo, Gessi di Borzano
• SIC IT4050027 Gessi di Monte Rocca, Monte Capra e Tizzano
• SIC IT4090001 Onferno
Per saperne di più

Il Progetto LIFE partecipa a "CHIRecuperO - primo convegno sul recupero e la riabilitazione dei chirotteri in Italia" (pubblicata il 29/02/2016)

il 27 e il 28 febbraio 2016, presso le Sale Civiche del Borgo di Colle Ameno a Pontecchio Marconi (BO), si è svolto "CHIRecuperO - primo convegno italiano sul recupero e la riabilitazione dei chirotteri in Italia".
Il Convegno è stato organizzato da Centro Naturalistico e Archeologico Appennino Pistoiese, Itinerari Società Cooperativa, Tutela Pipistrelli onlus, Centro Tutela Fauna Monte Adone.
Domenica 28 Febbraio 2016 Monia Cesari è intervenuta a nome del Progetto LIFE Natura "Gypsum" parlando dell'importanza delle attività di sensibilizzazione sui chirotteri e focalizzando la sua relazione su due aspetti
- l'attività rivolta ai ragazzi delle scuole (azione D5 del progetto LIFE Natura);
- le Bat nigth, iniziative verso il pubblico generico (azione D6 del progetto LIFE Natura)
Oltre cento gli iscritti a questo primo importante e riuscito convegno dedicato al recupero dei pipistrelli in Italia.
Per saperne di più

Nuovi documenti da scaricare alla Sezione DOWNLOAD (pubblicata il 14/12/2015)

Sono disponibili nuovi documenti del Progetto LIFE:
- Progress Report - giugno 2015
- Azione A1 - Monitoraggio ex post degli habitat di superficie (8210, 6110 e 7210) oggetto di intervento nelle azioni C4, C5 e C7 nelle aree “Rete Natura 2000” SIC IT4030017 Ca’ del Vento, Ca’ del Lupo, Gessi di Borzano e SIC IT4030009 Gessi Triassici - Relazione programma operativo
Per saperne di più

Oltre 30 nuove fotografie delle azioni del progetto (pubblicata il 12/03/2015)

Sono state pubblicate nella Gallery oltre 30 nuove fotografie che illustrano il procedere delle azione del progetto. In particolare sono state documente le attivitià delle azioni A, B e C nei Gessi Bolognesi.
Per saperne di più

Azione B - Altri 12 ettari di affioramenti rocciosi e ambienti naturali a disposizione per sempre per la Biodiversità dei Gessi Bolognesi (pubblicata il 12/02/2015)

L'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - EMILIA ORIENTALE accresce la proprietà pubblica su cui realizzare il progetto, portando ad oltre 23 gli ettari acquisiti nell'ambito dell'Azione B.
Venerdì 10 Luglio 2015 si sono infatti concluse le fasi di acquisto di oltre 12 ettari di ambienti gessosi necessari per il completamento del progetto.
Sono dunque diventate dell'Ente importanti aree con presenza di habitat molto vulnerabili: grotte, vegetazione casmofitica, Alysso-Sedion albi.
Ricordiamo in particolare le spettacolari Candele della zona della Dolina della Spipola.
L'acquisto si è reso necessario per realizzare una serie di interventi a tutela di colonie di chirotteri e di rare e localizzate comunità vegetali, azioni concrete di conservazione che verranno attuate nei prossimi mesi, entro la fine del progetto prevista per il Marzo 2016.
Come stabilito dal progetto queste aree verranno dedicate esclusivamente alla conservazione della Natura e alle attività di divulgazione ed educazione ambientale.
Buco delle Candele (immagine JPG)

Nuovi documenti da scaricare alla Sezione DOWNLOADS (pubblicata il 15/10/2014)

Sono stati caricati nel sito:
- le relazioni finali di diverse azioni di conservazione ormai ultimate,
- il pieghevole ufficiale del progetto,
- materiale informativo e promozionale.
I file sono in formato PDF e potete liberamente leggerli o scaricarli sul vostro computer andando alla Sezione DOWNLOADS.
Per saperne di più

Oltre 70 nuove fotografie delle azioni del progetto (pubblicata il 15/10/2014)

Sono state pubblicate nella Gallery oltre 70 nuove fotografie che illustrano il procedere delle azione del progetto. In particolare sono state documente le attivitià delle azioni:
- A2 Monitoraggio ex ante ed ex post delle colonie di chirotteri;
- C1 Chiusura di grotte naturali e di cavità artificiali ad esse connesse;
- C3 Interventi di riqualificazione e disostruzione di doline, inghiottitoi e grotte;
- C4 Interventi di controllo e contenimento della vegetazione ombreggiante;
- C5 Realizzazione di recinzioni e segnaletica a tutela di habitat vulnerabili;
- C6 Posa di bat box e bat board;
- C7 Interventi di riqualificazione degli habitat di risorgente;
- D5 Attività educative nelle scuole;
- D6 Organizzazione delle "Bat night";
- D7 Allestimento di uno spazio espositivo;
- D8 Partecipazione a conferenze con illustrazione del progetto.
Per saperne di più

È stato pubblicato sul sito il rapporto Midterm del progetto Life Gypsum (pubblicata il 13/10/2014)

Il "Midterm Report" (Marzo 2014) del progetto descrive il suo andamento generale, valuta la validità degli obiettivi e del piano di lavoro impostato e illustra in sintesi i problemi incontrati nello svolgimento delle diverse azioni.
Vengono inoltre descritte la gestione amministrativa e quella finanziaria.
Rapporto Midterm - ATTENZIONE FILE PDF DI GRANDI DIMENSIONI (oltre 40 MB)

Bat Nights sui Gessi dell’Emilia-Romagna - edizione ESTATE 2014 (pubblicata il 30/04/2014)

Dal 31 Maggio ricominciano le Bat Nights del progetto Life.
Ma cosa sono le Bat Nights? Sono nottate trascorse in compagnia dei pipistrelli, che ci consentiranno di scoprire questi mammiferi straordinari e stravaganti, le loro abitudini e gli ambienti in cui vivono, facendoli uscire dall’ombra delle stupide superstizioni che li vedono portatori di diverse sfortune.
Le Bat Nights (che si svolgeranno in tutti i siti Natura 2000 del progetto) avranno inizio poco prima del tramonto e prevedranno una breve introduzione sull’affascinante mondo dei pipistrelli seguita da una facile passeggiata nei loro ambienti di vita.
Accompagnati da esperti naturalisti dotati di appositi strumenti (bat detector), si potranno osservare e ascoltare i pipistrelli: la speciale apparecchiatura consentirà infatti di “tradurre” gli ultrasuoni emessi dei pipistrelli in modo da renderli udibili anche a noi. Una esperienza che ben pochi hanno fatto!
Tutte le iniziative del calendario Bat Nights ESTATE 2014 sono gratuite.
Per saperne di più

LIFE Gypsum è ora anche su Facebook! (pubblicata il 12/02/2014)

Dal 12 febbraio 2014 è stata attivata una pagina Facebook dedicata al progetto Life+ 08 NAT It 000369 "Gypsum".
Al momento sono attive la bacheca informativa e una sezione contenente fotografie delle azioni di progetto.
Per saperne di più

Il progetto LIFE Gypum organizza attività di formazione per i docenti e gli educatori ambientali del territorio (pubblicata il 15/09/2013)

Con l'inizio dell'anno scolastico 2013-2014, il progetto LIFE Natura Gypsum organizza diversi incontri di formazione e aggiornamento per il personale della scuola primaria e secondaria. Gli incontri avranno come tema “La Biodiversità sui Gessi - Importanza naturalistica dei gessi dell’Emilia Romagna”.
I corsi si terranno secondo il seguente calendario:
- venerdì 4 ottobre 2013, ore 11.00-19.00, con Bat-night serale coordinato dal Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano;
- venerdì 4 e venerdì 11 ottobre 2013, ore 14,30-18,30 coordinato dal Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola;
- giovedì 10 e giovedì 17 ottobre, ore 14.00-18.00, coordinato dal Parco Regionale Gessi Bolognesi e Calanchi dell'Abbadessa.
I corsi hanno ottenuto o richiesto il riconoscimento dall’Ufficio scolastico regionale per l’Emilia Romagna. Le lezioni, le escursioni guidate e le Bat-night saranno svolte da esperti naturalisti. I posti sono limitati e si invitano i docenti a registrarsi prima possibile. I corsi di formazione sono gratuiti per i docenti.
Programmi e dettagli dei corsi organizzati in altri siti Natura 2000 saranno comunicati a breve.

Una giornata di formazione per le scuole del Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano (pubblicata il 15/09/2013)

Venerdì 4 ottobre 2013, dalle ore 11.00 alle ore 19.00, il progetto LIFE Gypsum e il Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano organizzano "La Biodiversità sui Gessi Triassici - importanza naturalistica delle formazioni gessose dell'Emilia-Romagna"
Questa giornata di formazione e aggiornamento è pensata per docenti, dirigenti scolastici, educatori, GAE ed operatori dell'educazione ambientale.
Le iscrizioni devono pervenire entro il 2 ottobre 2013 ai seguenti indirizzi email:
- gypsum@parcoappennino.it
- educambientale@parcoappennino.it
Il corso di formazione è gratuito.
A seguire si terrà dalle 20.15 una Bat Night, escursione notturna con bat-detector a caccia di... ultrasuoni.
La Bat Night è aperta al pubblico ed è indicata anche per bambini e famiglie.
Pieghevole del corso (formato PDF)

Due giornate di formazione per le scuole del Parco Regionale dei Gessi Bolognese e Calanchi dell'Abbadessa (pubblicata il 15/09/2013)

Il Parco Regionale dei Gessi Bolognese e Calanchi dell'Abbadessa organizza il corso di formazione ed aggiornamento del personale della Scuola Primaria e Secondaria “La Biodiversità dei Gessi - Importanza naturalistica dei gessi dell’Emilia Romagna”.
Il corso è stato riconosciuto dall’Ufficio scolastico regionale per l’Emilia Romagna e avrà luogo nelle giornate del 10 e del 17 Ottobre 2013, dalle 14.00 alle 18.00.
Le lezioni e l’escursione guidata saranno svolte dalle Guide del Parco
I posti sono limitati e si invitano gli insegnanti a prenotare la propria partecipazione inviando una email a info.parcogessi@enteparchi.bo.it.
Il corso di formazione e il rinfresco sono gratuiti per i docenti iscritti.
Volantino del corso (formato PDF)

Due giornate di formazione per le scuole del Parco Regionale Vena del Gesso Romagnola (pubblicata il 15/09/2013)

Il Parco Regionale Vena del Gesso Romagnola organizza “La Biodiversità dei Gessi - Importanza naturalistica dei gessi dell’Emilia Romagna”, corso di formazione ed aggiornamento del personale della Scuola Primaria e Secondaria.
Il corso è stato riconosciuto dall’Ufficio scolastico regionale per l’Emilia Romagna e avrà luogo venerdì 4 e venerdì 11 ottobre 2013, dalle ore 14,30 alle 18,30, presso il Rifugio Cà Carné, Parco del Carné, Brisighella (Ra).
Le lezioni e l’escursione guidata saranno svolte da esperti naturalisti dell’Ass. Pangea e di Ecosistema scrl.
Il corso di formazione e le merende sono gratuiti per i docenti.
I posti sono limitati e si invitano gli insegnanti a prenotare la propria partecipazione inviando una email a nofero73@gmail.com oppure a carla.lamego@ecosistema.it.
Volantino del corso (formato PDF)

Copyright © 2010-2014

Vai al sito del Parco Regionale Gessi Bolognesi e Calanchi dell'Abbadessa
PARCO REGIONALE DEI GESSI BOLOGNESI E CALANCHI DELL’ABBADESSA
Vai al sito del Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola
PARCO REGIONALE
DELLA VENA DEL GESSO ROMAGNOLA
Vai al sito del Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
PARCO NAZIONALE
APPENNINO TOSCO-EMILIANO
Vai al sito della Provincia di Rimini    Vai al sito della Riserva Naturale di Onferno
PROVINCIA DI RIMINI
RISERVA DI ONFERNO
Vai al sito della Provincia di Reggio Emilia
PROVINCIA DI
REGGIO EMILIA
Webmaster: Ecosistema scrl